Campionati 2015/16

Tornei


divisorio Info societa divisorio Rose delle squadre divisorio Mister delle squadre divisorio Comunicati Ufficiali divisorio

IL CALCIO GIOVANILE A LIVORNO E IN TOSCANA



-

ALLIEVI B REGIONALI MERITO CATTOLICA VIRTUS - OLIMPIA FIRENZE 3 - 0





Trascorso un tempo a gestire il possesso di palla senza risultare incisiva, la Cattolica si scuote dopo lo spavento per la traversa di Scudocrociato e sblocca il risultato con una magia di Manetti, blindando poi il successo col perfetto inserimento di Previtera e col capolavoro di Rexhepaj. Con questi tre punti i giallorossi si confermano in vetta alla classifica e continuano, insieme agli eterni rivali della Sestese, a fare il vuoto alle loro spalle. Esce sconfitta una buona Olimpia che ha fatto tutto ciò che era nelle sue possibilità per fare risultato. La strada imboccata per la salvezza è quella giusta, anche se non è certo in discesa, visto l'equilibrio che regna nel girone.
Moduli. Sarti deve ricorrere ad un po' di fantasia per schierare i suoi. In difesa parte titolare Giorgio Vannini come terzino sinistro, a completare il reparto con Previtera, Mariani e Marconi. In mediana il tecnico locale avanza Pietro Carcani, che agisce da interno destro; centrale Cavaciocchi, a sinistra Rosi; Mazzei è il tre-quartista alle spalle di Tommaso Carcani e Manetti. Benfari deve rinunciare all'ultimo a Salomone e schiera i suoi con un 4-5-1: Marra e Russo sono i due centrali, Margheri e Viciani esterni; Edoardo Manetti davanti alla difesa, insieme a Ghilli e Giudice, mentre Bianchi e Bianchini sono di supporto all'unica punta Scudocrociato.
Linea. Il tema tattico del primo tempo è chiaro: dieci ospiti (tutti ad eccezione di Scudocrociato) dietro la linea della palla e locali impegnati nel manovrare. Senza sfondare, senza accelerare, senza trovare la precisione: ecco perché i primi 33 minuti sono praticamente scevri di occasioni. Al 5' Manetti chiede ed ottiene la sponda a Mazzei e poi col destro calcia in caduta senza inquadrare lo specchio. Due minuti più tardi ancora Manetti con un'accelerata guadagna il fondo a sinistra e mette al centro: dopo una respinta Cavaciocchi calcia alto. All'8' l'Olimpia entra nell'area locale: Giudice da sinistra serve un cross che l'ex di turno Vannini neutralizza senza difficoltà. Passa un minuto e Tommaso Carcani tenta di calciare al volo su un corner di Rosi ma un difensore lo chiude. All'11' Pietro Carcani conclude di poco sul fondo ma c'è una deviazione. Al 19' lo stesso numero 3 di casa su punizione serve un pallone interessante trovando Marra pronto ad allontanare.
Unica. Al 33' l'unica occasione del primo tempo: Previtera da destra serve col mancino un cross a campanile, Tommaso Carcani prende posizione ma poi lascia scorrere e così Manetti si presenta solo davanti a Marziano, alzando però troppo il piatto destro che termina sopra la traversa. Prima dell'intervallo un cross tagliato di Manetti che attraversa l'area e poi viene liberato da Viciani e infine un tiro-cross di Giorgio Vannini. Che mister Sarti chieda al 38' ai suoi Cominciamo a giocare" è la perfetta sintesi di quanto accaduto nel primo tempo.
Trema. Nella ripresa la Cattolica riprende con la stessa intraprendenza, pur senza sfondare dalle parti di Marziano. E, anzi, il primo brivido corre sulla schiena dei locali. Al 44' infatti Scudocrociato conquista palla a 25 metri dalla porta e si coordina calciando in porta: il suo mancino è potente e scheggia la parte superiore della traversa a Vannini battuto. I locali rispondono al 46' con un cross di Pietro Carcani sul quale si inserisce Cavaciocchi che colpisce di testa ma Marziano blocca. Due minuti più tardi una deviazione di Tommaso Carcani su un cross dalla destra finisce sul fondo.
Ci pensa Manetti. Siamo al 50' quando Previtera recapita verso l'area un pallone interessante, Manetti gli va incontro ma poi lo lascia scorrere, disorientando il diretto avversario; è così che il numero 7 riesce poi a presentarsi davanti a Marziano e a trafiggerlo con un destro angolato che si insacca accanto al palo per il vantaggio giallorosso. La gara a questo punto cambia volto. La Cattolica gestisce con ancor più padronanza il possesso di palla e prova ad incrementare il bottino, l'Olimpia, anche se Benfari chiede di giocare "come prima" ai suoi ragazzi, perde un po' di smalto. Al 56' Pietro Carcani (spostato esterno sinistro già nella parte finale del primo tempo) crossa per il gemello Tommaso che devia sopra la traversa (anche se per il direttore di gara c'è offside). Al 58' una punizione col mancino di Giorgio Vannini viene parata da Marziano.
Raddoppio. A chiudere il conto ci pensano al 59' i due terzini di casa. Pietro Carcani raggiunge caparbiamente il fondo sulla sinistra e crossa teso, il pallone arriva sul secondo palo fino al piede destro di Previtera che calcia forte e, nonostante la deviazione di Marziano, la rete ospite si gonfia di nuovo. Al 65' un cross di Giorgio Vannini viene controllato da Tommaso Carcani che poi tenta la mezza rovesciata ma la palla finisce sopra la traversa.
Capolavoro. Il terzo gol è un'opera d'arte. Armando Rexhepaj, entrato da soli due minuti, infatti si destreggia bene ai venti metri dalla porta, avanza scansando un avversario e poi, portatosi la sfera sul destro, con la scarpa destra disegna una traiettoria nella quale potenza e precisione gareggiano alla pari. La palla batte sulla parte inferiore della traversa, rimbalza sulla linea, bacia di nuovo il montante e gonfia la rete. Tutti in piedi per applaudire la straordinaria prodezza. A due minuti dalla fine Scudocrociato impegna con un mancino Alessio Vannini, poi nei cinque minuti di recupero non accade altro. Finisce 3-0. E la Cattolica si prende i tre punti utili per mantenere la vetta. L'Olimpia esce battuta, ma per cinquanta minuti con tanta accortezza era riuscita a trovare l'antidoto al potenziale offensivo dei locali. Merito alla pazienza della Cattolica che è riuscita a non perdere lucidità quando la rete non arrivava. Sarti sicuramente non è stato contento del primo tempo dei suoi, che però anche stavolta hanno saputo fare fronte alle defezioni con carattere e qualità.
Giudizi. Nella Cattolica stavolta poco lavoro per la coppia Mariani-Marconi, comunque bravi a non abbassare la concentrazione. Bene gli esterni: Previtera oltre al gol assicura sempre un'ottima spinta; Pietro Carcani, riportato nel suo ruolo abituale, fa la differenza nella ripresa, bene anche Vannini da interno di centrocampo; in assenza di Bettoni, si sono alternati bene come mediani Rosi e Cavaciocchi. Mazzei ha provato ad emergere dal traffico centrale, Manetti e Tommaso Carcani hanno battagliato sul fronte offensivo. Rexhepaj segna un gol indimenticabile. Entrano senza paura 2003 schierati negli ultimi minuti. Nell'Olimpia grande prestazione di Marra, ma molto bene anche Russo centralmente. Tanto lavoro e poche sbavature per Margheri e Viciani, preziosi Manetti, Ghilli e Giudice per il lavoro senza palla. Sacrifici e poche occasioni per pungere per Bianchini e Bianchi; Scudocrociato riesce a colpisce la traversa inventandosi da solo l'unica occasione del match per i suoi. Sono entrati bene Magnolfi, Berarducci e Paggetti.
Cosimo Di Bari

San Michele Cattolica Virtus-Olimpia Firenze: 3-0
SAN MICHELE CATTOLICA VIRTUS:
Vannini Alessio, Previtera, Carcani Pietro (69' Dallai), Vannini Giorgio, Mariani (79' Vestrini), Marconi, Manetti S. (79' Masetti), Cavaciocchi (77' Rossi Lottini), Carcani Tommaso (73' Zenuni), Mazzei, Rosi (66' Rexhepaj). A disp.: Carcani Niccolò. All.: Gabriele Sarti.
OLIMPIA FIRENZE: Marziano, Margheri, Viciani, Ghilli, Russo, Marra (67' Paggetti), Bianchini (65' Berarducci), Manetti E., Scudocrociato, Giudice (62' Magnolfi), Bianchi. A disp.: Carnevali. All.: Massimiliano Benfari. In panchina: Flavio Russo.
ARBITRO: Luca Landi di Empoli.
RETI: 50' Manetti, 59' Previtera, 68' Rexhepaj.
NOTE: ammonito Viciani al 26'. Corner 7-0. Recupero 2'+5'.