Campionati

  • Giovanili Prof.
  • Dilettanti
  • Giovanili Reg.
  • Giovanili Prov.
  • Femminile
  • Tornei

  • PRECAMPIONATO 17/18
  • Natale 2017
  • Pasqua 2018
  • PostCampionato 2018

  • divisorio Info societa divisorio appstore
    Scarica Campionando sul tuo cellulare!!!!

    android

    IL CALCIO GIOVANILE A LIVORNO E IN TOSCANA



    -

    ALLIEVI REGIONALI GIR.C IMPRUNETA TAVARNUZZE - OLMOPONTE AREZZO 1 - 1





    IMPRUNETA TAVARNUZZE: Morganti, Conti, Viciani, Rocchini, Gori Lorenzo, Goldopiatoff, Mediolani, Svelti, Balderi, Lanfranchi, Fanti.
    A DISPOSIZIONE: Berchielli, Maier, Magnelli, Lambardi, Catolfi, Polo, Cangemi.
    ALLENATORE: Simone Marcucci.
    OLMOPONTE: Albiani, Fiore, Scricciolo, Ricciarini, Gori Liam, Danze, Borgogni, Caneschi, Sennati, Vignali, Bonci.
    A DISPOSIZIONE: Paci, Frivoli, Laterza, Casini, Randellini, Milani.
    ALLENATORE: Lorenzo Rossi.
    ARBITRO: Iodice di Firenze.
    RETI: 24’ Lanfranchi, 37’ Laterza.

    L’ultimo chilometro della lunga, faticosa ma al tempo stesso emozionante cavalcata che ha caratterizzato questo Girone C, non può essere definita, in taluni casi, come la classica sgambata di fine stagione. Nel giorno in cui l’imbattuta Lastrigiana di Rossano Bartalucci è incoronata regina sul primo gradino del podio, Affrico, Sangiovannese e Firenze Ovest conquistano con merito un posto in Coppa Toscana, Cortona Camucia e Bucinese salutano la categoria e Settignanese ed Audax Rufina, nell’estremo tentativo di non subire la stessa sorte, dovranno giocarsi il tutto per tutto in un drammatico spareggio, sul sintetico di Tavarnuzze, i verde azzurri padroni di casa e gli amaranto dell’Olmoponte, incrociano i tacchetti nella sfida che vale tutta una stagione. Sullo stesso terreno di gioco che, nel pomeriggio di sabato, ha visto affrontarsi, nello spareggio che ha assegnato il titolo di campione nel Girone B dei Giovanissimi Provinciali, Bagno a Ripoli e Audax Rufina, Impruneta Tavarnuzze e Olmoponte si contendono l’ultimo biglietto disponibile per salire sul treno che porta dritti alla Coppa Regionale che avrà inizio nel prossimo fine settimana. Una sfida fondamentale per entrambe ma che ha una valenza ancor maggiore per i padroni di casa che dopo aver perduto nel turno precedente il primo scontro diretto con il Firenze Ovest ed aver subito il sorpasso in classifica proprio da parte degli aretini (vittoriosi in casa per 6-0 nei confronti dell’ormai retrocesso Cortona Camucia) sono “condannati” a vincere. Anche se, sull’altro fronte, i ragazzi guidati da mister Lorenzo Rossi hanno, invece, due risultati a loro disposizione, neppure gli ospiti possono permettersi di prendere sotto gamba una trasferta che potrebbe, al contrario, riservare molte insidie. Mister Marcucci, ben consapevole del fatto che, almeno nella fase iniziale del match, deve osare qualcosa in più, schiera un’Impruneta d’assalto che conta molto sulle ficcanti incursioni portate avanti sulla destra dall’ex esterno di Sporting Arno e Audace Galluzzo Mediolani ma anche sulle capacità in fase offensiva della coppia Balderi – Fanti, sui piedi buoni di Lanfranchi e sulla lucidità in fase d’impostazione messa in evidenza da Svelti. Un atteggiamento smaccatamente offensivo che, di conseguenza, deve fare i conti con le veloci ripartenze orchestrate dagli amaranto che si avvalgono sia degli esterni Borgogni e Bonci, sia del pericoloso bomber Sennati. La grande abilità di Vignali sui calci piazzati, la spinta propulsiva di Ricciarini e le buone trame intessute in mediana da Caneschi, completano poi un bel quadro tattico che, quando i meccanismi girano a dovere, mette sovente in difficoltà un reparto arretrato verde azzurro che soffre in particolare sul proprio settore destro, dove Conti fatica a contenere le veloci sortite operate da Bonci. Nonostante il caldo, i ritmi sono alti ed il gioco scorre via frizzante e ricco di spunti di cronaca. All’11’ il primo squillo amaranto sveglia e spaventa non poco la difesa tavarnuzzina. Calcio di punizione da sinistra ottimamente tagliato verso il centro dell’area da Vignali e puntuale stacco di testa da parte di Scricciolo, con il pallone che si perde di poco a lato alla sinistra di Morganti. Risponde a stretto giro di posta la compagine di Marcucci allo scoccare del 16’ quando un’irresistibile accelerazione sulla destra di Mediolani, culmina in un traversone basso che la difesa centrale amaranto contiene con qualche affanno. Il primo ad avventarsi sulla corta respinta è Balderi la cui rasoiata volante dal limite costringe Albiani ad un non semplice salvataggio in tuffo. Il match viaggia, insomma, lungo un sottile filo sul quale entrambe le compagini provano a stare in piedi. Prova involontariamente a farle cadere, nella fase centrale del primo tempo, l’incerto arbitro Iodice che, in virtù di alcune decisioni assai discutibili, rischia di farsi sfuggire di mano una sfida dall’alto tasso adrenalinico. Al 24’ l’arbitro fiorentino assegna all’Impruneta Tavarnuzze un calcio piazzato dai venti metri originato da una spinta, in vero assai veniale, su Fanti. Sul punto di battuta si presenta lo specialista Lanfranchi che disegna una traiettoria mortifera per l’estremo aretino Albiani. Il numero uno ospite tenta di arrivare sul pallone, riesce anche a sfiorarlo ma non ad impedire che s’insacchi sotto la traversa. Il vantaggio verde azzurro fa esplodere di gioia i sostenitori in tribuna. Se la gara finisse in questo modo, i ragazzi di Marcucci opererebbero il contro sorpasso soffiando agli avversari proprio sul filo di lana il pass d’accesso per la coppa. Di strada, però, ce n’è ancora molta da percorrere e non solo per le due squadre ma anche per il direttore di gara che, al 28’, è nuovamente indiziato di reato da parte dei sostenitori amaranto. Sugli sviluppi di un altro piazzato da sinistra calciato direttamente verso la porta dal solito Vignali, Morganti, nel tentativo di abbrancare il pallone in presa alta, perde l’equilibrio finendo con il corpo oltre la linea di porta. Vibranti sono le proteste dei giocatori amaranto i quali sostengono che anche la palla abbia varcato al linea bianca. Non è dello stesso avviso Iodice che lascia invece proseguire il gioco. Pochi secondi più tardi, tocca ai padroni di casa recriminare. Si dipana velocissima sul settore di sinistra la manovra dell’Olmoponte, con Bonci che porta avanti palla per poi verticalizzare premiando il puntuale inserimento di Borgogni. Quando il numero sette amaranto entra in possesso della palla, viene però a trovarsi in netta posizione di fuorigioco. Anche in questo caso l’arbitro lascia proseguire. Tocca allora a Morganti fermare l’avversario grazie ad un coraggioso e puntuale intervento in uscita. Nel frattempo mister Rossi è costretto a sostituire l’acciaccato Liam Gori con Laterza. Sarà, paradossalmente, questa la mossa che cambierà il volto della partita. Grazie alla sua buona velocità di base, il numero quindici ospite entra subito nel vivo del gioco ed è proprio lui che al 37’, a coronamento di una bella manovra corale, spinge in rete il pallone del pareggio. L’azione si sviluppa sulla trequarti destra, dove Caneschi lavora un buon pallone allargandolo poi per Borgogni. La stupenda triangolazione con Vignali taglia a fette una difesa tavarnuzzina nell’occasione lenta e mal posizionata. Borgogni giunge sul fondo e taglia poi verso il centro dell’area un bel pallone rasoterra che raggiunge, tutto solo sul secondo palo, il ben piazzato Laterza. Per il neo entrato attaccante amaranto è un gioco da ragazzi agganciare il pallone, girarlo da due passi alle spalle di Morganti e riportare in parità le sorti del match. L’intervallo è utile ai ragazzi di Marcucci per compattarsi e ripartire forte nella ripresa alla ricerca del nuovo vantaggio. L’Impruneta Tavarnuzze ci prova, alza il baricentro del proprio gioco e al 44’ mette in seria difficoltà la retroguardia ospite che non riesce ad effettuare un facile disimpegno. La sfera giunge sui piedi di Mediolani che ben piazzato a due passi dalla porta, gira incredibilmente fuori alla destra di Albiani un pallone d’oro. Al 51’ ci prova Balderi con un’insidiosa battuta dal limite che costringe Albiani ad un efficace quanto affannoso intervento in due tempi. Al 55’, sugli sviluppi di un corner da sinistra ben calibrato da Lanfranchi, tocca a Fanti tentare la grande giocata. La sua deviazione volante di tacco da due passi è spettacolare ma la palla sfila sul fondo regalando solo un brivido al folto pubblico assiepato in tribuna. L’Olmoponte vive un momento difficile durante il quale, però, i ragazzi di Rossi sono bravi a resistere con grinta e capacità agli attacchi avversari. Danze, Fiore, Scricciolo ed un inesauribile Ricciarini svolgono un ottimo lavoro in fase di contenimento e al 68’ è di nuovo la formazione ospite a ripartire in contropiede proprio grazie a Fiore che sganciatosi sulla sinistra, è affrontato irregolarmente da Conti al limite dell’area verde azzurra, Ne nasce un calcio piazzato che stavolta l’onnipresente Vignali calcia debolmente fra le braccia di Morganti. Al 69’ Borgogni trova spazio sulla destra e taglia poi verso il centro un suggerimento che l’accorrente Sennati gira di prima intenzione verso la porta tavarnuzzina. Il rasoterra che ne vien fuori è insidioso ma centrale e per Morganti non è un problema accartocciarsi in presa bassa ed abbrancare con sicurezza la sfera. Nell’ultimo terzo di gara un generoso Impruneta Tavarnuzze getta il cuore oltre l’ostacolo ma al 73’ la girata da due passi del neo entrato Cangemi è fermata dal muro difensivo amaranto. Le speranze di vittoria e di qualificazione dei ragazzi guidati da Marcucci si spengono definitivamente all’81’ sulle mani di Albiani che senza particolari preoccupazioni disinnesca facilmente un’incornata debole e centrale di Viciani. Al termine di ottantacinque minuti combattuti ed estremamente equilibrati, la giusta divisione della posta in palio premia l’Olmoponte che rintuzzando l’ultimo disperato attacco portato da un generoso Impruneta Tavarnuzze, conquista l’accesso alla Coppa Regionale. E’ un finale di stagione “dolce – amaro” quello dei ragazzi di Marcucci. Da un lato c’è la soddisfazione per aver disputato un campionato ai massimi livelli. Dall’altro, purtroppo, la consapevolezza che qualche punto perso per strada, alla fine, ha fatto sì che una stagione comunque straordinaria si chiuda con un saldo in negativo.

    CAMPIONANDO MVP

    Buone nell’Impruneta le prove di Mediolani, Lanfranchi, Svelti e Balderi. Nell’Olmoponte hanno ben giocato Ricciarini, Vignali, Borgogni, Bonci e Laterza.

    Insufficiente la direzione di Iodice che specialmente nella fase centrale del primo tempo, ha perso la bussola rischiando di fare lo stesso con il controllo del match.

    Nico Morali