Campionati

  • Giovanili Prof.
  • Dilettanti
  • Giovanili Reg.
  • Giovanili Prov.
  • Femminile
  • Tornei

  • PRECAMPIONATO 17/18
  • Natale 2017
  • Pasqua 2018
  • PostCampionato 2018

  • divisorio Info societa divisorio appstore
    Scarica Campionando sul tuo cellulare!!!!

    android

    IL CALCIO GIOVANILE A LIVORNO E IN TOSCANA



    -

    GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE CATTOLICA VIRTUS - SCANDICCI 3 - 0





    Scherzi di calendario: difficile non notare che la prima giornata riserva subito uno dei match più appetitosi della stagione. La formazione che ha dominato lo scorso girone dei Giovanissimi B di merito contro quella che ha vinto il ?Cerbai?. E, se non bastasse, il fascino di ogni gara che vede le maglie giallorosse incrociare quelle blues, per uno dei derby più sentiti in regione. Un po' come se lo Zoncolan arrivasse nella prima tappa del Giro. Ed è stato subito spettacolo. Perché il risultato premia sì la Cattolica ma le due squadre hanno dato prova entrambe della loro forza. Il punteggio finale non inganni: lo Scandicci c'è ed forte. Come e forse anche più dello scorso anno. Certo, la Cattolica targata Alla e Somigli, però, sta continuando la sua crescita.
    Moduli. Inizialmente Alla schiera la coppia difensiva composta da Zannino e Falaschi, con Meucci e Sepe ai lati. La rinnovata mediana è composta da Rossi Lottini, Papalini e Barbieri, mentre in attacco c'è la BBF, con i tre giocatori che sono stati più prolifici nella passata stagione: Bigozzi, Bartolozzi e Fancelli. Gandini (a proposito di scherzi di calendario: aveva chiuso battendo gli Allievi della Cattolica al ?Bozzi? nel Torneo Regionale, ritrova il giallorosso per il suo debutto scandiccese) opta per un analogo 4-3-3. La collaudata coppia centrale Coveri-Faralli è spalleggiata dai terzini Pecchioli e Gianassi. Davanti alla difesa agisce Giannini, con Galli e Mori interni. In attacco bomber Ongaro (miglior marcatore della passata stagione) conta sulla compagnia di Warid e dell'ex di turno Ianas.
    Violino. Il match è tirato come una corda di violino. E le squadre lo suonano con abilità. Si gioca a ritmi altissimi. A colpi di tattica e di tecnica. Al 3' Barbieri cerca l'imbucata per Fancelli, ma la difesa blues respinge; Bigozzi controlla e col mancino conclude sul fondo. Al 5' risponde lo Scandicci: punizione servita in area da Giannini, il pallone si incaglia in area e diventa preda di Ongaro che conclude ma Magnolfi blocca. Un minuto più tardi Bigozzi raggiunge il fondo e serve un passaggio per Bartolozzi ma Bruni è ben posizionato e blocca. Nemmeno uno minuto più tardi ghiotta occasione per Ongaro che punta Magnolfi ma viene chiuso dall'ottima uscita del portiere di casa. Lo Scandicci prova a fare la partita, ma la Cattolica non si lascia mai schiacciare. Contiene e riparte. Al 10' Barbieri premia l'inserimento a sinistra di Sepe che conclude potente ma Bruni para centrale. Due minuti più tardi Bartolozzi protegge il pallone e raggiunge il fondo a destra, cross per Bigozzi che arriva alla deviazione in tackle, Bruni recupera senza difficoltà.
    Ongaro vs Magnolfi. Al 14' una delle azioni più belle della partita: Gianassi serve a sinistra Ianas che pennella al centro un cross perfetto per la testa di Ongaro, il quale indirizza la sfera sotto l'incrocio. Magnolfi però si mette il mantello da supereroe e vola a deviare. Davvero una grande parata. I blues concludono anche al 17' con una punizione di Galli che sorvola la barriera e termina sul fondo. Poi al 23' si rivede la Cattolica: cross di Rossi Lottini su invito di Barbieri; Fancelli sfiora e sul secondo palo Sepe smarca Bartolozzi, chiuso davanti a Bruni. Il primo tempo si chiude con una punizione di Giannini raccolta ancora di testa da Ongaro, che però non inquadra lo specchio. Prima frazione a reti inviolate.
    Che ritmi! Nel secondo tempo la gara rimane tiratissima. Le squadre confermano di essere organizzate in modo minuzioso dai propri tecnici. Se lo Scandicci si era fatto leggermente preferire in mediana nel primo tempo, la Cattolica nella ripresa alza un po' i ritmi. Alla ha arretrato già nella prima frazione Bartolozzi come interno, posizionando Rossi Lottini esterno alto. E il numero 7 giallorosso si fa apprezzare anche più arretrato, dando forza e fantasia alla manovra locale. Ma lo Scandicci non si scompone: Coveri e Faralli rimangono impeccabili e la mediana assi