Campionati

  • Giovanili Prof.
  • Dilettanti
  • Giovanili Reg.
  • Giovanili Prov.
  • Femminile
  • Tornei

  • PRECAMPIONATO 17/18
  • Natale 2017
  • Pasqua 2018
  • PostCampionato 2018

  • divisorio Info societa divisorio appstore
    Scarica Campionando sul tuo cellulare!!!!

    android

    IL CALCIO GIOVANILE A LIVORNO E IN TOSCANA



    -

    ALLIEVI REGIONALI ELITE CATTOLICA VIRTUS - OLIMPIA FIRENZE 4 - 1





    Imponderabile: il fascino del Calcio consiste anche nello sfuggire a calcoli, a leggi, a dati statistici. E allora perché seguire una partita che mette di fronte la capolista che ha sempre vinto (miglior difesa, secondo miglior attacco) con il fanalino di coda ancora a zero punti (3 reti fatte e 34 subite in sette gare)? Per di più, in una giornata umida e piovosa, su una tribuna priva di tettoia? Il Calcio, a volte, decide di ripagare tanta irrazionalità. E regala una partita accesa. Intensa. Combattuta. Nella quale, certo, il punteggio finale è quello che qualsiasi addetto ai lavori avrebbe potuto prevedere. Ma l’andamento è tutt’altro che scontato. Perché di scontato, e non è una fase fatta, in questo (come in tutti gli) sport non c’è proprio niente.
    Moduli. Gozzi è alle prese con varie defezioni, comunque schiera alcuni titolarissimi in panchina. Nell’undici iniziale, davanti a Carnevali, c’è la coppia Proietto-Marconi, mentre i terzini sono Masi e il 2003 e Testa. A centrocampo partono Bettoni, Cavaciocchi e Di Blasio, mentre Rosi è avanzato nel terzetto di attaccanti in compagnia di Bianchini e Gangemi. Fiaschi risponde con un 4-5-1. Difesa composta da Palmisano e Ferri centralmente e da Marchetti e Trabocchi esterni. Folto centrocampo con l’ex di turno Zenuni, Hoxha, Pezzi, Viticchi e Bettoni; attacco tutto sulle spalle di Porcella, chiamato anche a lavorare senza palla.
    Possesso. La Cattolica conquista da subito un marcato predominio nel possesso di palla, ma non riesce ad accelerare. Gli ospiti rintanano la testa sotto il guscio e impediscono ai locali di cambiare ritmo quando arrivano nei pressi dell’area avversaria. Al 3’ ci prova Bianchini che, dopo un palleggio, lascia partire un destro che Bacci è bravo a respingere. Al 9’ ci prova Rosi che, pur allungandosi troppo il pallone, vince il contrasto e libera Gangemi a destra, ma la sua conclusione termina sul fondo. Bacci si fa trovare pronto sul tiro da fuori di Di Blasio e Trabocchi è rapido nell’allontanare la possibile ribattuta. Al 13’ un corner di Masi viene raccolto da Cavaciocchi che trova lo specchio, ma trova anche la grande respinta di Bacci. Al 14’ De Blasio guadagna una punizione da posizione interessante: Masi calcia di potenza rasoterra verso il lato scoperto dalla barriera e colpisce il palo interno, poi nel prosieguo dell’azione Cavaciocchi manda sopra la traversa. Al 20’ un bel cross di Rosi da sinistra viene raccolto da Bianchini che però non inquadra lo specchio. Al 24’ un corner di Testa dalla destra imbecca l’incornata di Proietto che batte Bacci ma anche stavolta è il palo a salvare gli ospiti. Dopo un tiro di Rosi sul fondo (28’), al 30’ Masi calcia un corner prelibato che nessun giocatore giallorosso riesce a raccogliere.
    Imprevedibile, appunto. L’Olimpia si affaccia dalle parti di Carnevali per la prima volta al 33’, con un tiro dalla distanza di Pezzi che non inquadra lo specchio. Due minuti più tardi un cross dalla destra di Bettoni sembra preda di Masi; forse un rimbalzo sul terreno scivoloso inganna il giocatore di casa, che tocca il pallone col braccio. Bisceglia è lì ad un passo e non ha dubbi. È calcio di rigore. Pezzi posiziona sul dischetto un pallone pesantissimo ma rimane freddo come un ghiacciolo e manda Carnevali da una parte e la sfera dall’altra. L’Olimpia per due minuti sembra la capolista. E ruggisce, tornando al tiro con Zenuni, ben smarcato da Viticchi, ma arriva la pronta chiusura di Carnevali. Poi si rivede la Cattolica. Su un corner (38’) è di nuovo il palo a salvare la porta giallonera, dopo la deviazione di Masi. I locali rimangono all’arrembaggio, trascinati da capitan Marconi. Il difensore centrale giallorosso, nella lunga sequenza di corner prima costringe Bacci ad una difficile respinta. Poi subisce una spinta in area sul successivo tiro dalla bandierina. Ed è proprio Marconi a prendersi la responsabilità di calciare il rigore, eseguendolo in modo impeccabile. È l’uno a uno. E il primo tempo, contro ogni pronostico, contro ogni ragionamento logico, finisce in parità.
    Furia giallorossa. Gozzi attinge dalla panchina: entrano Pietro Carcani per Testa (buona comunque la prova del 2003), Tommaso Carcani per Bianchini e Previtera per Gangemi. Il modulo non cambia, ma la grinta con la quale i giallorossi azzannano la ripresa è in assoluta discontinuità con la tiepidezza della prima frazione. Dopo solo un minuto Di Blasio scambia nello stretto con Rosi, evita anche il direttore di gara e calcia con Bacci che sventa. Passa un minuto e Masi affonda sulla destra, disegnando al centro un cross splendido per la deviazione di Tommaso Carcani che manda la sfera dove Bacci non può intervenire. C’è giusto il tempo di ripartire dal centro che la Cattolica guadagna un corner. Da sinistra, batte Pietro Carcani che cerca verso il primo palo Tommaso Carcani: la deviazione di testa del bomber giallorosso è implacabile e vale il 3-1.
    Binari. Forte del doppio vantaggio, la Cattolica “doma” la partita. E fabbrica altre occasioni. Bacci sventa una deviazione di Tommaso Carcani sul cross di Previtera al 48’ e al 51’ la fascia destra è sempre terra di conquista per Previtera che cerca ancora il suo bomber ma la palla termina sul fondo. Al 59’ punge l’Olimpia con Porcella che intercetta un passaggio corto e conclude sopra la traversa. Ma il match è segnato. E prima Tommaso Carcani (dominatore dell’area di rigore nella ripresa) mette alto di testa su un corner di Masi e poi Di Blasio fa partire un altro destro al quale è bravo Bacci ad opporsi. Il quarto gol locale giunge al 69’, quando il solito Tommaso Carcani lotta in area di rigore, a traino arriva Mazzei che si aggiusta il pallone sul destro e con un colpo di biliardo manda la palla nell’angolo, in buca, per il 4-1. L’Olimpia non molla: sul corner di Hoxha da destra Viticchi sceglie bene il tempo e mette sopra la traversa. Poi cerca gloria anche Pietro Carcani: al 75’ salta in dribbling da sinistra due avversari ma poi si vede chiudere dall’intervento di Bacci. Poi al 78’ disegna una traiettoria splendida su punizione ma interviene sulla linea Trabocchi a sventare. Fiaschi chiede a Bisceglia di evitare il recupero. Ma si gioca fino all’83’: e sono proprio i suoi ragazzi a costruire l’ultima occasione: Inturri parte in velocità sulla destra e viene sgambettato da Carcani Pietro, forse all’interno dell’area. Il fatto per Bisceglia però è avvenuto fuori area e la punizione non sortisce effetti.
    Giudizi. L’Olimpia esce da Soffiano più forte. Consapevole che la sua organizzazione le può valere qualche soddisfazione nelle prossime settimane. Fiaschi conosce il calcio come pochi altri tra i campi giovanili toscani e sta lavorando bene con un gruppo che può migliorare ancora; e può avvalersi di un collaboratore come Luca Fossi che riesce sempre a creare le condizioni per far esprimere al meglio i ragazzi. Bacci para tutto il possibile e anche qualcosa di più; Palmisano e Ferri, dopo un primo tempo splendido, soffrono un po’ Carcani ma rimangono encomiabili. Lottano Marchetti e Trabocchi, bravi in mediana Pezzi, Hoxha e Viticchi nel lavorare senza palla; Zenuni e Bettoni si vedono poco in avanti ma sono abili a serrare le fila; gioca da solo ma non molla mai Porcella. Bene anche Acciai, Bertelli, Fall e Inturri entrati nella ripresa. Nella Cattolica Tommaso Carcani è il trascinatore. Con lui disputa un’ottima prova anche Marconi, che ha poco lavoro in difesa, ma risulta determinante per acciuffare subito il pareggio. Dopo il primo tempo giocato sottotono, tutti i giallorossi sono cresciuti nella ripresa: merito del brio portato da Previtera e Pietro Carcani, ma anche della crescita di Cavaciocchi, Bettoni e Di Blasio. Affidabile Proietto in difesa, debutta egregiamente con i più grandi Testa, molto buona la partita di Masi.
    C.D.B.

    San Michele Cattolica Virtus-Olimpia Firenze: 4-1
    SAN MICHELE CATTOLICA VIRTUS
    : Carnevali, Masi, Testa (41’ Carcani Pietro), Bettoni, Marconi (68’ Vestrini), Proietto, Gangemi (41’ Previtera), Cavaciocchi, Bianchini (41’ Carcani Tommaso), Rosi (53’ Mazzei), Di Blasio. A disp.: Carcani Niccolò, Giannini. All.: Francesco Gozzi.
    OLIMPIA FIRENZE: Bacci, Marchetti (63’ Fall), Trabocchi, Pezzi (49’ Bertelli), Palmisano, Ferri, Zenuni, Hoxha, Porcella (76’ Inturri), Viticchi, Bettoni (53’ Acciai). A disp.: Di Santo, Mercuri, Pasquinucci, Vergatini, Bany. All.: Romano Fiaschi.
    ARBITRO: Claudio Bisceglia di Firenze.
    RETI: 35’ rig. Pezzi, 39’ rig. Marconi, 43’ e 44’ Carcani Tommaso, 69’ Mazzei.
    NOTE: nessun ammonito. Corner 11-2. Recupero 0+3’.