Campionati

  • Giovanili Prof.
  • Dilettanti
  • Giovanili Reg.
  • Giovanili Prov.
  • Femminile
  • Tornei

  • PRECAMPIONATO 17/18
  • Natale 2017
  • Pasqua 2018
  • PostCampionato 2018

  • divisorio Info societa divisorio appstore
    Scarica Campionando sul tuo cellulare!!!!

    android

    IL CALCIO GIOVANILE A LIVORNO E IN TOSCANA



    25/02/2019 - 19:05:38

    Il River Pieve balza in vetta al girone A di Prima Categoria






    Cadono Serricciolo, Don Bosco Fossone e Tirrenia, il River Pieve ringrazia

    Inedito scossone al vertice dell’avvincente campionato di prima categoria, l’ex capolista Serricciolo cade a Capezzano incassando il terzo stop consecutivo esterno ma soprattutto lascia la vetta. Non ne approfitta il Don Bosco Fossone dal possibile primo scivola al terzo cedendo nel recupero ai lucchesi del Tau calcio, a beneficiare di queste doppie sconfitte è il River Pieve che vincendo nel derby di Gorfigliano balza in vetta per la prima volta con due punti di vantaggio sulle rispettive inseguitrici. Domenica amara anche per la Tirrenia dove cede le armi alla risorta compagine versiliese dell’Atletico Forte dei Marmi, ora il distacco dalla nuova penultima del girone Diavoli Neri e di dieci lunghezze.
    Nella zona play off e limitrofa fanno punti il Tau calcio che rafforza il quarto posto raggiunto dal Capezzano ammazza grandi e dalla mina vagante Ponte a Moriano che strappa un pari sul campo dell’Orentano. Il mal di trasferta sta colpendo spesso i giallo blu di mister Paolo Bertacchini chiamati successivamente a rimediare il passo falso in esterna tra le mura amiche. L’ennesimo esame di maturità nel girone dove è proibito sbagliare è ormai da tempo la spina nei fianchi per i galletti dove hanno regalato fuori casa ben nove punti alle dirette avversarie, ora a lottare per il titolo si è inserito il terzo incomodo a suon di vittorie come il temibile River Pieve.
    Nelle otto giornate che rimangono da smarcare per Nicola Marchionna & soci delle quali cinque sono fuori le proprie mura compreso il big-match in casa del sempre più accreditato River, senza dubbio si prospetta l’ennesimo banco di prova dei galletti che nel prossimo weekend ospiteranno il temibile Sporting Bozzano.
    Seconda caduta stagionale interna del Don Bosco Fossone di mister Massimiliano Incerti che si fa sorprendere nei minuti finali dal Tau calcio, come è accaduto al Serricciolo la compagine carrarina scende dal podio piazzandosi a meno tre dalla nuova regina River Pieve ad una lunghezza dai lunigianesi. Frenata che permette ai bianco-rosso-blu di riflettere in quanto i punti lasciati per strada in casa propria(9) alla fine dei conti potrebbero condizionare non poco la stagione nonché la classifica finale.
    Tuttavia il calendario del Don Bosco è simile ai cugini del Serricciolo con cinque gare fuori casa e tre al “Duilio Boni”, cominciando dalla prima delle due esterne consecutive si inizia a Marginone seguita da quella in casa dello Staffoli.
    Ancora una amara domenica per il team di mister Fabrizio Tenerani che deve rimandare per l’ennesima volta il primo sorriso interno della stagione del “suo” Tirrenia crollando contro l’Atletico Forte dei Marmi che in settimana avevano cambiato la conduzione tecnica, alle dimissioni di Giacomo Vannoni sulla panchina dei versiliesi è stato chiamato l’esperto pietrasantino Enrico Galleni.
    Gli ospiti ritornano al successo in campionato addirittura dalla partita dell’andata datata 4 novembre al 7° turno ottenuto proprio contro la Tirrenia, i locali scesi in campo con diverse defezioni solo a tratti hanno tenuto testa al club del Forte dei Marmi, alla preziosa tripletta ospite di Luca Salini ha risposto il veloce Mattia Marinari firmando una personale doppietta.
    Sconfitta che vede i giallo blu sempre più “maglia nera” del campionato, ora il divario con la penultima new entry Gorfigliano vista la vittoria del Folgor Marlia è di dieci punti, infine la matematica tiene ancora viva la speranza dei giallo blu di raggiungere gli spareggi dei play out solo con un autentico miracolo.

    a cura di Bruno Fazzini